Crea sito
Header image: David Lachapelle

Chi sono?

io cartoon

Simona.....niente e nessuno per molti, qualcuno per alcuni.

FUSIONE DI:

shot243

videoarte, pittura, fotografia, scultura, arte digitale, disegno, musica, performance, installazioni, illustrazioni pubblicitarie, letteratura, citazioni c'è tutto ciò che conosco esprapolato da varie fonti ed rielaborato da me.

orologio

video

il mio mito


La pop art è un modo di amare le cose.

Andy Warhol

QUI



qui troverai anche piccole gocce di miei pensieri sparse qua e la tra i post
nulla più

Creative Commons License
gocce di pensieri by dimensionex

citazioni varie

(Henry Ford)


l'arte

meta suprema dell'arte è cogliere l'essenza dell'apparenza.

Morandotti Alessandro


(Erich Fromm)


Illustrazioni pubblicitarie

La pubblicità è la più grande forma d’arte del ventesimo secolo.

marshall mclucan

ALTRE MIE PASSIONI

il cinema horror



the art of advertising Photo

Rosangela Betti

Mumiy Troll

il mio libro preferito: Lucia Etxebarria - noi che non siamo come le altre


Raquel non paga quasi mai quello che beve

da visitare

Rosangela Betti

Hector&Hector

ILOVE

(Custom)

spiderman♥maryjane

249632_1889003278199_1634971940_1903378_7571756_n

Disclaimer ©

questo blog si basa sull'illustrazione di opere d'arte per far conoscere la pop art e l'arte contemporanea a chi ne ignora l'esistenza, sottolineo che le immagini esposte sono dei loro ristettivi proprietari, in base alL'art. 90 della l. 633/41 in ogni mio post c'è sempre l'autore con nota biografica allegata, la riproduzione delle foto non si considera quindi abusiva però qualora la loro riproduzione non sia gradita dallo stesso autore provvederò a cancellarle.

Categorie

pop art

ANDY WARHOL
marilyn 1964

La Monroe è riprodotta con la tecnica serigrafica, che permetteva un salto ottico dal bianco e nero della fotografia a colorazioni intense ed esplosive; con questo metodo si fa molto più evidente il distacco dall’immagine originaria e i volti diventano rigidi e privi di qualsiasi individualità.
I ritratti di Marilyn sono dedicati a un’attrice scomparsa, e Warhol li inserì nel ciclo intitolato alla morte: una serie di opere su catastrofi, incidenti, avvelenamenti e sedia elettrica, che rappresentavano l’altra faccia dello stile di vita americano e del suo splendore consumistico. E’ come se il crescente desiderio di consumare della massa fosse solo una maschera per nascondere la consapevolezza e la paura dell’esistenza di qualcosa di irrevocabile, la morte; così solo l’immagine e l’apparenza esteriore sopravvivono, e il mondo interiore e soggettivo deve essere modellato in conformità alla realtà oggettiva.
Così il mito di Marilyn Monroe non sta nella sua bravura come attrice né nella sua prorompente sensualità ma, ancora una volta, nell’incalzante riproposizione della sua immagine da parte dei mezzi di comunicazione di massa. Warhol non si sottrae alla ferrea logica commerciale e lavora a decine di dipinti nei quali riproduce il volto sorridente dell’attrice mutandone semplicemente i colori.
l’incarnato del volto è violaceo e gli occhi sono fortemente bistrati di azzurro, lo stesso dello sfondo. In questo modo il personaggio di riferimento scompare e resta solo la sua immagine: una delle infinite possibili, in quanto nel dipinto successivo, cambiando i colori, anche l’immagine non sarà più la stessa. L’infinita ripetitività finisce per togliere espressività e se è vero che la conoscenza aiuta la comprensione, la troppa conoscenza quando diventa indigestione visiva, consuma impietosamente l’oggetto, rendendolo subito vecchio e richiedendone uno sempre nuovo, pronto per sostituirlo.

la bellezza delle cose altrui


La vita è sostanzialmente incoerente e la prevedibilità dei fatti una illusoria consolazione.

Alessandro Baricco, Castelli di Rabbia

Erotic pop art di Julian Murphy

“l’ossessione corrente della società con le marche di consumismo e del sesso rendono l’arte di Murphy una miscela interessante di questi 2 elementi . Una visione fresca ed altamente unica della società contemporanea!”
 “La zona erogena più importante è la mente”. E’ la filosofia di Julian Murphy. Filosofia che traspare da ogni sua opera. “Le mie opere intendono stimolare i sensi e non gli organi genitali, come fa un certo genere di arte erotica”. Niente di più vero, come potrete constatare ammirando i lavori di questo geniale artista, che è riuscito (cosa rarissima) a inventare qualcosa di originale nel mondo artistico in cui tutto sembra deja-vu. .
Murphy, a differenza di altri artisti erotici, è riuscito ad imporsi oltre la nicchia di settore, invadendo un mercato più ampio. Certo, ormai soggetti ispirati al feticismo e al sadomasochismo hanno perduto quell’alone di pericolosità che li relegava, fino a pochi anni fa, in un contensto semiclandestino, e anzi hanno conquistato un posto di primo piano in molti campi, dall’arte alla pubblicità. Ma le opere di Murphy, che coniugano l’erotismo ‘perverso’ con la vita di tutti i giorni, sono la consacrazione di questo cambiamento.

NICOLE STEEN

icone glamour mescolate ad originali illustrazioni punk-gotiche

gocce scritte per desdemona


DESDEMONA E IL DEMONIO

Mi guardavi le scarpe

cercando di capire in che modo i miei tacchi potessero farmi più alta

Dove potevi arrivare

senza alzarmi in braccio o tenermi sulla finestra,

certo la tua altezza ti impediva di fare ciò che volevi di me

senza quei tacchi rossi,

cercavi la posizione giusta senza rifletterci più di tanto

ma tu mi volevi li

 così semplicemente nuda,

vestita solo dei mie altissimi tacchi

affacciata alla finestra

 in modo che tutti potessero vedere la mia faccia…

all’acme del piacere

e capire quello che tu mi stavi facendo senza farti vedere

guardare quelle labbra che mordevo eccitata

e le unghie lunghissime laccate sempre di rosso

che graffiavano sulla superfice della finestra

su un corpo bianco latte

mentre tu eri nascosto dietro di me

coperto dalla tenda

e il tuo corpo che mi lanciava

pressioni possenti e laceranti senza mai fermarsi

era così che mi sentivo una bambola esposta in vetrina agli occhi di un pubblico incuriosito ed eccitato,

ed era così che tu volevi farmi sentire un oggetto esposto al giudizio degli altri

perchè tu così mi amavi e dio solo sa quanto fosse vero

quell’amore perverso!!!

 

E’ te che adoro
Sarai sempre la mia puttana
Sarai la madre di mio figlio
E una figlia per il mio cuore
Ragazza adorabile, sei la bellezza nel mio mondo
Senza te non ci rimangono ragioni da cercare
E tirerò i tuoi denti storti
Sarai perfetta proprio come me
Sarai un’amante nel mio letto
E una pistola puntata alla mia testa
Non dobbiamo mai stare separati
Non dobbiamo mai stare separati

ava adore – smashing pampkins

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Archivi